Parlare di psoriasi da stress non è del tutto corretto ma si tratta comunque di una definizione usata molto spesso. Vediamo ciò che è corretto e ciò che è scorretto quando si parla di psoriasi da stress.

Lo stress può scatenare la psoriasi?

Si, lo stress è una delle cause scatenanti della psoriasi. In questo periodo più che mai si può parlare di stress, complice la pandemia mondiale e tutte le conseguenze che ha portato. Chi soffre di psoriasi può facilmente, in questo periodo, avere manifestato i sintomi della psoriasi. Le tipiche manifestazioni cutanee di chi è affetto da psoriasi possono quindi peggiorare nelle situazioni stressanti (come effettivamente è quella odierna che tutti stiamo vivendo da un anno a questa parte).

Cos'è la psoriasi

La psoriasi è una malattia della pelle caratterizzata da chiazze in rilievo che possono cambiare di forma, dimensioni, consistenza e zona in base al tipo di psoriasi ed alla “gravità” della malattia.

Generalmente si tratta di chiazze leggermente in rilievo sulla pelle, di colore rosso chiaro e ricoperte da squame di colore bianco-argenteo, con forma tondeggiante e dimensioni che variano dai pochi millimetri ad oltre dieci centimetri. Le macchie possono presentarsi in diverse aree del corpo come gomiti, ginocchia, cuoio capelluto e, unghie, nelle aree intertriginose, etc. Si parlerà quindi di Psoriasi inversa, Psoriasi guttata, Psoriasi eritrodermica, Psoriasi pustolosa, Psoriasi ungueale, Psoriasi oculare, proprio a seconda della zona in cui la psoriasi si manifesta, al tipo di macchie ed anche in base al tipo di gravità della malattia: se in alcuni casi si parla di poche chiazze, nelle forme più gravi, alcuni tipi di psoriasi possono coprire anche la quasi totalità del corpo.

I sintomi della psoriasi hanno un andamento “altalenante”, si ha quindi un'alternanza di periodi con sintomi in remissione e periodi di riacutizzazione. Lo stress può portare ad una riacutizzazione della psoriasi.

Quali sono le cause della psoriasi

Circa due milioni di persone nel nostro Paese soffrono di psoriasi. Le cause della psoriasi sono da ricercarsi soprattutto nella predisposizione genetica. Generalmente in presenza di un genitore affetto da psoriasi si hanno buone possilibità di ammalarsi.

Possibilità che aumentano quando entrambi i genitori soffrono di psoriasi. La predisposizione genetica è quindi una delle principali cause, ma ci sono altri fattori, come quelli psicologici, che possono sortire effetti sulla psoriasi. Se si vive una condizione di forte ansia o stress la psoriasi può aggravarsi o comparire per la prima volta. Si tratta quindi una malattia legata a doppio filo con la psiche.

Effetti della psoriasi sullo stress

Se è vero che lo stress può fungere da elemento scatenante per la ricomparsa od il peggioramento della psoriasi è anche vero che lo stato di malessere aumenta con il manifestarsi dei sintomi.

La psoriasi ha infatti una forte incidenza psicologica. Spesso con il manifestarsi della malattia insorgono depressione, stress, ansia. La qualità della vita, inclusa la parte relazionale, in alcuni casi è seriamente compromessa. Per questo motivo è sempre consigliato associare alla terapia volta a curare i sintomi, una terapia volta a curare la psiche ed il disagio psicologico che questa malattia comporta.

Come curare la psoriasi?

La psoriasi non si cura ma può essere tenuta sotto controllo. Trattare questa malattia in modo corretto significa limitare i sintomi con le adeguate terapie, scongiurare il loro manifestarsi con una corretta prevenzione. Tra le terapie più comuni per la psoriasi ci sono le terapie topiche con emollienti, cheratolitici, cortisonici, ditranolo e quelle sistemiche a base di ciclosporina, methotrexate e acitretina.

Ottimi risultati pare siano dati dalla fototerapia UVB e P-UVA, un trattamento indolore che sfrutta la capacità delle nostre cellule della pelle di assorbire luci con una certa lunghezza d'onda impiegandole come fonte di energia per la riparazione di cellule danneggiate ed eliminare gli stati infiammatori.  

Ci sono anche nuove terapie biologiche volte a tenere sotto controllo la malattia con ottimi risultati.

L'importanza dello stile di vita

Adottare uno stile di vita corretto è fondamentale nell'evoluzione della malattia. Le buone abitudini spaziano dal cibo al tipo di vestiario, ai comportamenti.

Preferire le fibre naturali, non fumare, non bere alcolici, bere due litri di acqua al giorno, mangiare frutta e verdura di stagione, cercare di evitare le situazioni stressanti, sono tutte buone abitudini che rappresentano un valido aiuto nel controllare questa malattia della pelle.

Concludendo: quando si parla di psoriasi da stress ci si riferisce ad una riacutizzazione della malattia per cause psicologiche. E la psoriasi che si manifesta sotto stress fa parte di una delle tipologie di psoriasi quindi può essere una psoriasi inversa, guttata, eritrodermica, pustolosa, ungueale, oculare etc.