La psoriasi ha diverse forme, più o meno gravi, tra queste c'è la psoriasi eritrodermica. Vediamo di cosa si tratta.

Psoriasi eritrodermica: cos'è

La psoriasi eritrodermica, nota anche come psoriasi eritrodermica esfoliativa, è una forma rara di psoriasi, ma molto severa.

È caratterizzata dall'infiammazione e dall'arrossamento di gran parte del corpo. Si tratta di una forma clinica che può arrivare a coinvolgere l’80% del corpo. Inoltre possono insorgere anomalie alle unghie che potrebbero provocare onicolisi.

E' importante non confondere la  psoriasi eritrodermica esfoliativa con la psoriasi suberitrodermica. Quest'ultima , infatti, pur riguardando anch’essa un tipo di psoriasi diffusa su tutto il corpo, non compromette le condizioni generali del paziente come invece, purtroppo, arriva a fare la psoriasi eritrodermica.

Sintomi Psoriasi eritrodermica

L’eritrodermica e’ in assoluto la forma piu’ grave di psoriasi. Non si manifesta a chiazze ma a zone molto estese, arrivando a ricoprire anche il 90 % del corpo. La pelle si presenta rossa, secca, tesa e la perdita di pelle dovuta alla psoriasi non e’ a lamelle ma addirittura a fogli interi. Il corpo affetto da psoaria eritrodermica sembra coperto da una ustione o scottatura intensa. La temperatura del corpo e’ alterata ed il paziente manifesta spesso febbre e nausea. I sintomi comuni in tutti sono il prurito ed il bruciore ma possono essere persenti altri sintomi.

Persistono in quasi tutti i soggetti questi sintomi

  • Prurito
  • Bruciore a livello della cute
  • Brividi.
  • Malessere generale, in certi casi con presenza di febbre.
  • Aumento del battito cardiaco.
  • Astenia.
  • Linfonodi ingrossati.
  • Dolori muscolari e articolari.

Cause della psoriasi eritrodermica

La Psoriasi eritrodermicai può essere scatenata da terapie farmacologiche o dalla sospensione improvvisa di terapie cortisoniche. La brusca interruzione di una terapia farmacologica è infatti uno dei principali fattori scatenanti della psoriasi esfoliativa.

Ma possono essere anche altri i fattori scatenanti della psoriasi ertriodermica esfoliativa: l’abuso di alcol o forti stress emotivi.

Si tratta di una condizione che generalmente colpisce pazienti che presentano in precedenza una psoriasi a placche.

Cura psoriasi eritrodermica

La psoriasi eritrodermica e’ una vera e propria emergenza dermatologica. Occorre agire nell’immediato con impacchi di acqua fredda per abbassare la temperatura della pelle ma sono necessarie cure mediche d’urgenza.

E’ infatti una forma gravissima di psioriasi e puo’ portare a spiacevoli conseguenze, non appena si ha il sospetto di avere un focolaio di psoriasi eritrodermica occorre consultare immediatamente un medico o una struttura specializzata. Se il focolaio si estende sara’ necessario il ricovero in ospedale. E’ necessario stare sotto stretto controllo medico per evitare disitratazione, ipotermia, infezione e complicazioni cardiache.

L’equilibrio metabolico del paziente può inoltre essere compromesso in quanto si rischia disidratazione e insufficienza renale.

Nel caso in cui fosse presente una forma di psoriasi di questo tipo, è sconsigliata la fototerapia (utile invece in altri casi di psoriasi) che non farebbe altro che sollecitare ulteriormente la cute, già compromessa.

Tra le terapie più impegata per combattere la psoriasi eritrodermica c'è la combinazione tra farmaci sistemici e topici.

Il tempo di recupero in caso di eritrodermica dipende dal paziente e dalla reazione alle cure farmacologiche, normalmente nelle forme gravi e’ necessaria almeno una settimana di ricovero. Fortunatamente e’ una malattia piuttosto rara, anche tra i malati stessi di psoriasi.

Rischi e Complicanzioni

Nel caso in cui la psoriasi eritrodermica si protrae per alcuni giorni si può andare incontro a rischi di scompensi cardiocircolatori e ripercussioni sulla termoregolazione causati dall'abbassamento dei valori di albumina, ferro e sodio.

Inoltre è possibile si verifichino infezioni da staffilococco, che potrebbero causare polmonite.

Nel caso di psoriasi eritrodermica esfoliativa l’organismo non è infatti più protetto dalle infezioni. Ci sono casi in cui la prognosi può essere più severa, ad esempio, nel caso di comparsa di psoriasi pustolosa.